Prevenzione contro la Filariosi: medicinali?

Manca ancora circa un mese all’inizio della profilassi contro la Filariosi, affidiamoci sempre al nostro veterinario ma avere informazioni e pareri differenti non vi farà male.

Innanzitutto, la Filariosi cardio-polmonare non è una malattia inguaribile, ma poco ci manca, infatti la sua terapia è molto complessa e non sempre del tutto efficacie. E’ necessario quindi prevenirla somministrando un farmaco adatto oppure affidandosi a rimendi naturali (che io non conosco ma ne ho sentito parlare) durante tutto il periodo delle zanzare.

I farmaci contro la Filaria agiscno tutti in maniera analoga:  bloccano lo sviluppo delle larve inoculate dalle zanzare nel cane, vanno somminisstrati ogni 30 giorni ed hanno un effetto retroattivo. Cosa vuol dire quest’ultima affermazione? Vuol dire che se le zanzare cominciano ad apparire a metà Marzo, la prima dose la dovete domministrare entro metà Aprile e se le zanzare scompaiono a metà Ottobre l’ultima dose la dovete somministrare a metà Novembre.

I farmaci in commercio sono molti ed alcuni di loro hanno azione anche sui parassiti intestinali, ricordate che il cane va sverminato almeno una volta all’anno, quindi prendeteli in considerazione. In questo sito ho trovato questo piccolo elenco molto chiaro:

  • Ivermectina: un farmaco sicuro ed efficace, usato da molti anni. Fanno però eccezione alcuni collie che, essendo particolarmente sensibili alla molecola possono avere gravi effetti collaterali. Tuttavia il dosaggio utilizzato per la profilassi (6 microgrammi per ogni kg di peso dell’animale) dovrebbe essere sicuro anche per questa razza. Oppure si può, più tranquillamente, utilizzare un’altra molecola.
    L’ivermectina si trova in compresse da somministrare per via orale una volta al mese iniziando un mese dopo la comparsa delle prime zanzare sino ad un mese dopo la loro scomparsa (orientativamente da maggio a novembre)
    E’ l’unica molecola che si può usare nei furetti, le altre non sono state registrate per questa specie.
  • Milbemicina ossima: un ottimo farmaco, efficace e senza effetti collaterali.
    Si trova in compresse da somministrare per via orale una volta al mese iniziando un mese dopo la comparsa delle prime zanzare sino ad un mese dopo la loro scomparsa (orientativamente da maggio a novembre).
  • Selamectina: ottimo farmaco senza effetti collaterali e attivo anche contro ascaridi, pulci e acari.
    Particolarmente comodo, si trova in spot on (pipette da svuotare tra le scapole) da mettere sull’animale una volta al mese iniziando un mese dopo la comparsa delle prime zanzare sino ad un mese dopo la loro scomparsa (orientativamente da maggio a novembre).
    E’ molto usato nei gatti non solo perchè spesso è più facile convincere un micio a farsi mettere uno spot-on che non a mandar giù una pillola, ma anche perchè è una molecola molto efficace nei mici, più che nei cani, a parità di dosaggio.
  • Moxidectina: farmaco per cani molto comodo ed altrettanto discusso. In America è stao temporaneamente ritirato, ma in realtà è ormai da qualche anno che viene usato in Italia e non si sono mai verificate segnalazioni di gravi effetti collaterali, come qualcuno ha invece denunciato in America.
    Una sola iniezione annuale è sufficiente per proteggere il cane per tutto l’anno perchè il farmaco è a lento rilascio.

I nomi dei farmaci più comuni sono Cardotek (principio attivo Ivermectina), l’Interceptor (Milbemicina), il Guardian (Milbemicina),  lo Stronghold e chi più ne ha più ne metta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *