Bracco Tedesco, il Kurzhaar

Il Kurzhaar o bracco tedesco, è un cane da ferma tedesco. Il suo principale utilizzo è a scopo venatorio ma, negli ultimi anni, sta sempre più spesso occupando anche il ruolo di cane da compagnia. Sull’eleganza di questo cane non si può discutere e tanto meno sul suo portamento. Occhi espressivi e dolci, possenti muscoli, pelo lucido e corto.

Il kurzhaar ha doti olfattive ottime, statuario nelle ferme possenti. Non invidia nessun cane da riporto e si dimostra adatto ad ogni situazione. Sembra non temere il freddo anche se avrei delle riserve in merito. Parlando del suo carattere c’è da dire che negli anni è cambiato molto: è stato addolcito e reso meno “freddo”. Alle origini dimostrava di essere un cane con forte carattere e aggresività innata. Spesso veniva usato come cane da guardia e si narra che fosse stato adibito anche alla ricerca dei prigionieri  ai tempi della Germania Nazista.

Oggi non ricorda più nulla di tutto ciò. Oltre ad essere diventato un cane molto affettuoso e docile, è stato anche snellito. I primi  kurzhaar raggiungevano altezze al garrese ben maggiori rispetto agli attuali 65 cm massimi. Anche il peso è notevolmente calato rispetto al passato. Le mie riserve di cui sopra concernono per lo più gli esemplari ad uso venatorio. A mio modesto parere, gli allevatori d’oggi stanno storpiando fin troppo la vera natura dei kurzhaar, allegerendoli troppo, rendendoli troppo veloci nella cerca e sempre più adatti alle sole prove da lavoro. Per fortuna sono solo dei casi e non rappresentano la totalità della razza tedesca. Per chi volesse cimentarsi in un’esperienza con il bracco tedesco trova tutto il mio appoggio. Il mio consiglio non è basato assolutamente sul suo utilizzo venatorio, nonostante io possegga tale razza per tal motivo, ma bensì perché vi assicuro che, per qualsiasi esigenza voi lo voliate, vi troverete soddisfatti di questo cane. Amorevole fino alla morte, si lega subito al suo “padrone” e difficilmente riuscirete a lasciarlo a casa senza che lui/lei lanci latrati o si cimenti in evasioni degne dei migliori gatti.

E’ un cane che, se amate le passeggiate, anche in città, vi farà sentire al centro dell’attenzione…si perché il kurhaar è un narcisista  vanitoso, in mezzo alla gente cammina ritto, con la testa alta e la coda che punta verso il sole. Difficilmente ne troverete uno timido o pauroso che si nasconde tra le vostre gambe. Il suo colore principe è il marrone o roano marrone, ma è possibile trovarne neri, roano/nero, bianchi con chiazze marroni. Per non sbagliare, quando andate a sceglierlo vi consiglio di concentrarvi su alcuni particolari: il cane deve avere dei grandi occhi marroni, non sono ammesse altre colorazioni; guardate che la coda sia stata tagliata alla quinta vertebra (che ne dicano, se al kurzhaar non si taglia la coda si fa solo il male del cane, perché la lunghezza eccessiva si ripercuterebbe sulla spina dorsale e genererebbe infezioni della coda stessa) e che il cane abbia già un carattere vispo e festoso. Dunque concludo consigliandovi vivamente un’esperienza di vita con questo grande amico dell’uomo, sicuramente non ve ne pentirete…

4 risposte a “Bracco Tedesco, il Kurzhaar”

  1. ho appena preso in un canile un cane abbandonato di circa 8 mesi, assomiglia moltissimo ad un bracco tedesco di colore marrone con piccole macchie bianche. ha tutte le caratteristiche soprageneralizzate. Vorrei sapere come poter addestrarlo nel migliore dei modi e cosa dargli da mangiare. grazie

    1. Ciao Luigi,
      per prima cosa complimenti per la scelta, vi faccio i miei migliori auguri per vostra nuova avventira insieme.
      Per il cibo io sono una gran sostenitrice della dieta Barf ma non è semplicissima da seguire come potrebbe essere dare le crocchette. Quindi ti consiglio, se non intraprenderai la Barf, di cercare delle crocchette per puppy large breed, cuccioli di taglia grande, tra le migliori marche in commercio. Io sceglierei la Almo Nature Holistic, ma anche altre marche tipo Trainer (leggi sul sacco se rientri nel medium o nel maxi per la taglia del cane).
      Magari compra prima un sacco piccolo e poi se vedi che le mangia con piacere spostati sul sacco da 12kg.
      Valuta bene il pelo del cane, se vedi che dopo un po’ di mesi comincia a rilasciare forfora parlane con il veterinario e magari passa a crocchette a base di pesce.
      Per l’addestramento con quel tipo di cane puoi fare davvero di tutto e divertirti alla grande. Io per la stazza importante che ha partirei con un bel corso di obbedienza di base per imparare a gestirlo al meglio con e senza guinzaglio. Poi mi scatenerei con qualcosa di più attivo tipo agility oppure anche ricerca in superficie con la protezione civile dato che il fiuto non gli manca di certo!
      Ti invidio tantissimo, vi divertirete tantissimo insieme!

  2. buon giorno… io ne ho acquistato uno già grandicello (1 anno) è un cacciatore nato e questo mi rende fiero..(già ne ho uno do anni 10 roano) ma con questo cucciolone non riesco a fargli capire che andando incontro proprio fisicamente ad altri cani ci rimette in morsi!! è di una testardaggine mostruosa! cerca sempre lo scontro … non è possibile!!

    1. Ciao Cristiano,

      è un’argomento delicato. Posso darti solo qualche consiglio in base alla mia esperienza. Io sono dell’idea che finchè ha ancora solo un anno puoi provare a farlo “rimettere in riga” da un altro maschio molto equilibrato, dal quale possa apprendere come deve porsi nei confronti degli altri. Hai poco tempo e lo devi giocare bene perchè se non impara adesso come approcciarsi, rischi di non poterlo più mettere assieme ad altri maschi.

      Cerca un maschio molto adulto, dal carattere solido ed equilibrato, abituato a stare con altri cani maschi. Confrontati con il proprietario per capire se è il cane adatto. Poi lasciali fare. Se ritieni che la situazione degeneri troppo intervieni.

      Ripeto, è un argomento delicato e devi valutare tu se puoi permetterti di farlo con il tuo cane.

      Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *