Pipì in casa

E’ da tanto che non ho più un cucciolo ma mi è capitato l’anno scorso di tenere a casa per un mesetto un cane di 5 mesi abituato a stare in giardino. Il problema si è palesato sin da subito… pipì in casa… anzi laghi perchè era un cane di razza medio-grande.


Che fare?

Innanzitutto spendere tre quattro pisciate del cane per analizzare gli atteggiamenti… Per capire se per caso lui desse dei segnali prima di farla, cosa che è possibile per un cane di 5 mesi.

E così per un paio di giorni ho asciugato mari di pipì ovviamente senza sgridarlo, anzi senza far trasparire alcuna emozione di modo che ne si spaventasse ne lo prendesse come un gioco. Alla fine ho osservato più o meno quanto tempo riuscisse a trattenerla, poco piu di 4 ore, ho notato che tendeva a portarsi verso delle uscite per farla, davanti alle finestre o alla porta.. mi sono armata di buona volontà e sono passata all’azione.

Ogni quattro ore mi allertavo e non appena lui palesava l’intenzione di volersi portare verso una finestra io mi armavo di collare e guinzaglio e lo portavo fuori. Lui subito la faceva e via con mille complimenti per lui… Peccato che in quello stesso periodo io avessi con me anche Maya… il che rendeva le operazioni di guinzaglio e collare non poco complicate e più di una volta il mio piano è fallito… 🙁

Comunque… Di notte stessa storia… ultima passeggiata a mezzanotte e mezza e poi all’erta tutta la notte ad ascoltare se percaso uscisse dalla cuccia e si dirigesse verso la porta… peccato che il più delle volte si dirigeva verso Maya e io mi svegliavo per nulla e fatalità quando invece andava verso la porta il più delle volte mi ritrovavo col mocio a pulire perchè non mi ero svegliata in tempo… 🙁

E’  stato un mese difficile per questa storia della pipì ma alla fine avevamo raggiunto notevoli progressi. Lui aveva allungato di molto i periodi in cui tratteneva la pipì, di notte potevamo dormire anche 7 ore di fila senza problemi, probabilmente aveva capito che farcendola fuori veniva riconosciuto il suo impegno mentre dentro non riceveva attenzioni, o forse si era impietosito a vedermi lavare i pavimenti nel cuore della notte, chissà…
Con questo non voglio dire che in un mese abbiamo risolto il problema, perchè comunque ho raccolto pipì fino qualche volta anche l’ultima settimana ma c’è stato un notevole miglioramento, una sua maggiore inclinazione a volermi far capire che voleva scendere, queste sono cose che secondo me migliorano molto il rapporto cane-padrone, piccoli traguardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *